Una parola al giorno – Aritmetica

┬źUna parola al giorno┬╗, quattro lingue con permesso di soggiorno euro-mediterraneo.

Come anticipato ieri, oggi vediamo la parola Aritmetica intesa come scienza.

Poca differenza quindi rispetto a quanto detto ieri: l’etimologia ├Ę la stessa.

180527Glossario- Aritmetica

L’espressione araba significa letteralmente┬á┬źscienza del contare┬╗ o┬á┬źscienza del calcolo┬╗ e troveremo ancora la radice H-s-b (piccolo spoiler!) parlando del calcolo differenziale, del calcolo integrale e della trigonometria.

Sebbene a una riflessione superficiale l’aritmetica sembri una disciplina┬á┬źfacile┬╗, in realt├á a ben guardare essa ├Ę vasta e affascinante, comprendendo anche l’aritmetica modulare (vedi i due recenti articoli Modulo sette – come si comportano le potenze di 10 e Fidarsi ├Ę bene ma… l’artimetica modulare ├Ę meglio).

Se poi si comincia a riflettere sulla struttura a┬á┬źsviluppo in serie di potenze┬╗ del sistema decimale, e poi a riflettere ancora di pi├╣ sul fatto che il sistema decimale┬á┬źnon ├Ę da solo nell’universo┬╗, anzi, gi├á l’abaco cinese o Suan Pan ammiccava a un possibile calcolo esadecimale… ebbene, qualcuno aveva detto ┬źsemplice┬╗?

Dite la vostra nei commenti, mi interessa!

#unaparolaalgiorno #ditelavostra #lafacciamofacile

 

Una parola al giorno – Aritmetico

┬źUna parola al giorno┬╗, quattro lingue con permesso di soggiorno euro-mediterraneo, per comunicare piacevolmente persino la matematica!

Oggi vediamo la parola Aritmetico, nel senso dell’aggettivo, da declinare eventualmente al femminile secondo le regole di ciascuna lingua.

180526Glossario- Aritmetico

L’arabo His├óbiyy┬áha la solita H aspirata e per questo scritta in maiuscolo, oltre alla vocale┬á├ó lunga. La radice H-s-b ha i significati di┬á┬źcontare┬╗, ┬źnumerare┬╗, ┬źcomputare┬╗ o ┬źcalcolare┬╗ ed ├Ę importante in quanto matrice di diverse espressioni coraniche, come┬á┬źIddio d├á a chi vuole senza chiedere conto┬╗,┬á┬źil Sole e la Luna [li ha creati] secondo due calcoli┬╗ e altre.

┬áL’etimologia di aritmetica ├Ę dal greco arithm├│s, che significa┬á┬źnumero┬╗ ma anche┬á┬źcollegamento┬╗, ┬źdisposizione┬╗, ┬źordine┬╗. I dizionari etimologici collegano poi la parola greca alla radice ar- per il significato di┬á┬źcongiungere┬╗, ┬źcollegare┬╗, citando a tal proposito anche la parola┬áarmonia.┬áMi viene allora da pensare – pensiero mio e totalmente ascientifico – che la stessa parola aritmetica racchiude i concetti di ritmo e di armonia: perlomeno curioso, non ├Ę vero? Soprattutto considerando quanta aritmetica c’├Ę nella musica!

Piccolo accenno al femminile, almeno della lingua araba: si forma aggiungendo il solito suffisso -ah che corrisponde a una t├ó’ marb├╗tah: nel caso di┬á┬źaritmetica┬╗ inteso come aggettivo scriveremo quindi His├óbiyyah, mentre se intendiamo Aritmetica come scienza… ebbene, attendete ancora un poco, fino a domani per la prossima scheda della serie┬á┬źUna parola al giorno┬╗.

#domaniaritmetica #staytuned #unaparolaalgiorno

 

Una parola al giorno – Asse

┬źUna parola al giorno┬╗, quattro lingue con permesso di soggiorno euro-mediterraneo per comunicare piacevolmente persino la matematica!

La parola di oggi ├Ę asse. Ha a che fare con la simmetria e con la rotazione; l’asse di un segmento permette d’individuare il circocentro di un triangolo┬áovvero il centro della circonferenza passante per tre punti dati.

180423Glossario-Asse

Interessante l’etimologia che per le lingue europee si pu├▓ far risalire fino al sanscrito aksha che ha lo stesso significato di asse, ruota o carro.

In arabo, la radice H-w-r ha tra l’altro il significato di┬á┬źritornare a┬╗, mentre la parola miHwar, per la quale ├Ę espressamente indicato l’uso in geometria con il significato di┬á┬źasse┬╗, in senso pi├╣ figurato siginfica anche┬á┬źperno┬╗, ┬źpolo┬╗, ┬źcentro┬╗, oppure, se pu├▓ interessare, il mattarello e lo spianatoio per la pasta.

L’asse ├Ę sempre una retta; in particolare, l’asse di un segmento┬ápu├▓ essere definito come il luogo geometrico dei punti equidistanti dagli estremi di quel segmento. L’intersezione del segmento con il suo asse individua il punto medio del segmento, e infatti proprio nella scheda relativa al punto medio potete trovare una costruzione geometrica che come┬á┬źsottoprodotto┬╗ (o superprodotto) comprende anche l’asse.

In effetti l’asse di un segmento pu├▓ essere definito anche come la retta perpendicolare al segmento e passante per il suo punto medio.

Giusto per dire qualcosa di originale, butto l├Č il classico esercizio di collegamento delle diverse nozioni acquisite, consistente nel verificare che gli assi dei cateti di un triangolo rettangolo si intersecano nel punto medio dell’ipotenusa. Se avete dubbi sul perch├Ę, vi rimando all’articolo┬á┬źO se del mezzo…┬╗ di dantesco sapore, presente anche sulla pagina ┬źIn prosa e in versi┬╗.

Buona lettura!

#Unaparolaalgiorno #conpermessodisoggiorno #buonalettura

 

 

 

Una parola al giorno – Addizione

┬źUna parola al giorno┬╗, quattro lingue con permesso di soggiorno euro-mediterraneo, per comunicare piacevolmente persino la matematica!

La parola di oggi ├Ę addizione, altra operazione aritmetica insieme alla sottrazione, citata proprio ieri a proposito del suo risultato.

Il risultato dell’addizione invece – spoileriamo il┬á┬źsegreto di Pulcinella┬╗ – si dice somma: ne parliamo in quest’altro post.

180414Glossario-Addizione

Ed ecco i promessi aggiornamenti in merito alle etimologie: innanzitutto ci tengo –┬á┬źsindrome della mamma┬╗ – a mettervi in guardia dai falsi amici: attenzione a non confondere l’inglese Addition con il termine molto simile┬á┬źaddiction┬╗, che vuol dire tutt’altra cosa, ovvero┬á┬źdipendenza┬╗ (come dalle molte sostanze nocive regolarmente in vendita in ogni dove, dai giochi vari e persino dai social media): sono sicura che non diventerete mai┬á┬źaddicted┬╗ alle addizioni, questo ├Ę certo!!

Etimologia europea dal latino┬áadd─Ľre,┬á┬źaggiungere┬╗┬áe non chiediamo di pi├╣!

Riguardo all’arabo, il termine iD├ófah┬ácon la D├ód enfatica e la successiva vocale ├ó prolungata, ha la forma di una messa in atto di qualcosa, e si riferisce alla quarta forma verbale – aD├ófa┬á– della radice D-w-f┬áche ha come significato pi├╣ generale quello di┬á┬źessere ospite┬╗, ┬źtrovare ospitalit├á┬╗, mentre nella quarta forma┬áaD├ófa┬áesprime proprio i significati di┬á┬źaggiungere┬╗ (anche nel senso degli ingredienti di una ricetta o di un miscuglio), ┬źaccludere┬╗, ┬źassegnare┬╗.

Non perdetevi i futuri vocaboli nelle nuove uscite di Una parola al giorno.

#staytuned #articoloaggiornato #ognipromessa├Ędebito

Una parola al giorno – Appartenente

┬źUna parola al giorno┬╗: quattro lingue con permesso di soggiorno euro-mediterraneo, per comunicare senza frontiere persino la matematica!

La parola di oggi ├Ę appartenente. Il verbo che articola il primo gruppo di assiomi┬ádella geometria euclidea.

Gli assiomi di appartenenza servono ad articolare la relazione fra i concetti primitivi: punto, retta e piano.

In questo caso le tre lingue europee presentano differenze etimologiche e di forma pi├╣ o meno marcate: unico accordo quasi perfetto ├Ę quello tra l’italiano e il francese. Variazione sul tema per lo spagnolo mentre l’inglese ┬źballa da solo┬╗.

Il verbo inglese Belong ha interessanti significati a monte dell’espressione to belong to che significa pi├╣ specificamente┬á┬źappartenere┬╗. Troviamo infatti che il significato pi├╣ intrinseco ├Ę di┬á┬źessere al proprio posto / nel posto adatto┬╗ (ad esempio: ┬źthe table belongs in the kitchen┬╗,┬á che significa ┬źil posto adatto per la tavola ├Ę in cucina┬╗, oppure┬á┬źsentirsi parte┬╗, soprattutto riferito a un gruppo. Due sfumature di significato entrambe interessanti se trasportate alla matematica, perch├Ę danno il senso di appartenenza come┬á┬źessere al proprio posto┬╗ in un insieme┬á┬źdi cui potersi sentire parte┬╗, ovvero definito secondo un criterio che accomuna tutti i suoi elementi. Siamo sulla soglia del concetto stesso di luogo geometrico.

Glossario-Appartenente

Per quanto riguarda l’arabo, la radice del termine in questo caso ├Ę n-m-a (alif maqsura), dal significato generale di ┬źcrescere┬╗, ┬źsvilupparsi┬╗, ┬źprogredire┬╗, ┬źaccrescere / aumentare / moltiplicarsi┬╗. La parola yantami┬áderiva dall’ottava forma verbale intam├á┬áche ha il significato di “far risalire la propria origine da┬╗, ┬źdipendere da┬╗, ┬źessere collegato / connesso / associato a┬╗, ┬źessere membro di┬╗, ┬źappartenere a┬╗. Regge la preposizione il├á.

Lasciate qui in basso i vostri commenti a riguardo.

#unaparolaalgiorno #ditelavostra