Una parola al giorno – Condizione

«Una parola al giorno», quattro lingue con permesso di soggiorno euro-mediterraneo, per comunicare in buona condizione persino la matematica!

Oggi parliamo appunto del termine condizione, così com’è inteso nel gergo matematico.

Si tratta quindi di considerare non lo stato delle cose ma le premesse necessarie all’avverarsi di un certo stato di cose… ci stiamo ingarbugliando?

Facciamo un esempio: affinchè io possa dividere per un numero n, la condizione necessaria (ma anche sufficiente) è che n sia diverso da zero.

Sempre per restare sulle divisioni, se considero k : n con ≠ 0, la condizione (necessaria e sufficiente) affinchè il risultato dell’operazione non sia zero è che sia k ≠ 0.

180514Glossario- Condizione

Per venire alle etimologie, la derivazione tardo latina del termine filosofico (e quindi successivamente matematico) è da condicĕre che significa «accordarsi», «trovarsi d’accordo», «convenire». Per darci una ragione del significato più esteso, non matematico, possiamo pensare che la condizione sia la descrizione che si trova in accordo con il reale stato delle cose. In altre parole è qualcosa «che la racconta giusta» sull’argomento. Tutto sommato ci può stare.

Riguardo all’arabo sharT, innanzitutto parliamo della traslitterazione: la scrittura sh indica un suono unico, quello che si fa ai bambini per farli stare in silenzio: lo stesso dell’ sh inglese, corrispondente allo sc su vocale in italiano; la T maiuscola indica la Ta’ enfatica.

La radice sh-r-T occupa diverse colonne del dizionario classico. Il significato primario è misteriosamente quello di «lacerare», «stracciare», ma poi troviamo anche «intagliare», «aprire con un taglio» e «sventrare» e quindi da qui mi ci trovo a immaginare anche «sviscerare» in senso metaforico.

Troviamo il termine sharT al seguito dell’ottava forma verbale, ishtaraTa, che ha il preciso significato di «essere condizione preliminare», «essere requisito indispensabile», «essere presupposto». Il termine ha comunque anche significati in ambito medico (nel senso di incisione) e legale (relativamente ai termini o a una clausola di un contratto). Quindi l’ampiezza della rosa di significati rimane lì, per quanto mi riguarda abbastanza irrisolta: l’intuito per il momento non mi accompagna!

Ai prossimi post per le precisazioni riguardo agli attributi di necessità e di sufficienza.

#staytuned #unaparolaalgiorno #conpermessodisoggiorno

 

 

Annunci

4 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...