Una parola al giorno – Omotetia

«Una parola al giorno», quattro lingue con permesso di soggiorno euro-mediterraneo per comunicare senza frontiere persino la matematica!

Oggi parliamo di omotetìa, concetto che estende quello di isometria comprendendolo come caso particolare.

180424Glossario-Omotetia

L’etimologia nelle lingue europee, dal greco ὁμός, «uguale, simile» e ϑετός, «collocato», chiarisce il senso del concetto matematico: due figure sono omotetiche se le loro parti sono «collocate in modo simile» le une rispetto alle altre, ovvero se sono rispettate le proporzioni fra le parti corrispondenti delle due figure.

In modo informale, si può descrivere l’omotetia come un ingrandimento o rimpicciolimento della figura; concetto strettamente legato è quello di similitudine, di cui l’omotetia indica il tipo di relazione o di funzione applicata per ottenerla.

L’arabo munâsabah (a lunga e nessuna enfatica; l’ultima h è ortografica e indica il femminile o il neutro), dalla radice n-s-b che ha il significato generale di proporzione, deriva dalla sesta forma verbale che relativamente a questa radice assume il significato di «essere in rapporto l’uno con l’altro», «armonizzare», «collimare», «essere conforme a qualcosa».

Troveremo ancora spesso questa radice, anche legata a logaritmi, percentuali e a tutto il linguaggio delle proporzioni.

#approfondiremo #staytuned #unaparolaalgiorno

Annunci

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...